Brand, identità del brand e branding

Cosa sono e come si manifestano

26 Settembre 2020

Sei un imprenditore che vuole far crescere il business, oppure hai uno start-up? Probabilmente avrai sentito la parola brand o marchio un milione di volte, in tantissime forme o espressioni, e tanti esperti che ti espongono idee sulle attività che dovresti fare per costruire il tuo brand. I termini però potrebbero creare confusione, perciò oggi ti parleremo dalla differenza tra queste tre parole: brand, identità del brand e branding. 

Che cos’è un brand? 

“Brand” è diventato una parola così diffusa che spesso rischia di perdere il suo vero significato. Oggi, tutto ciò che ha un nome e un logo si pensa sia un brand. La confusione è in qualche modo comprensibile, considerando che anche tra esperti il termine “brand” ha suscitato negli anni tanti dibattiti, in quanto le definizioni del marchio sono cambiate e si sono evolute indicando tempi e comportamenti diversi, cambiamenti sociali o la concorrenza di mercato. 

Molti di voi sapranno che la parola brand ha origine nel Wild West americano, quando i proprietari di bestiame contrassegnavano i loro animali per identificarli facilmente. In seguito, gli artigiani di Roma, della Grecia o dell’India incidevano simboli nei prodotti per firmare il loro lavoro, iniziando così a costruire la propria identità. Nel 1800 la qualità viene aggiunta come indicatore di differenziazione per prodotti della stessa categoria, e nel 1875 fu approvata la legge sulla registrazione dei marchi, che permetteva alle aziende di proteggere formalmente i loro brands.

Più avanti nel tempo, i vantaggi del prodotto per distinguersi dalla concorrenza insieme alla promozione televisiva, sono stati gli elementi che hanno aiutato le aziende a rimanere nella mente dei consumatori e a guadagnarsi la loro fedeltà. E con gli anni ’50, insieme allo sviluppo del concetto di brand management da parte di alcune delle più grandi aziende del largo consumo come P&G e Unilever, i marchi iniziarono a raccontare storie e non solo a mostrare il prodotto e a sottolinearne i benefici funzionali. E questo spot televisivo di Procter & Gamble TV per il detersivo Ivory Snow ne è la prova:

Con il progredire del brand, le definizioni si sono ampliate sempre di più: un brand è diventato quel prodotto/servizio o “un nome” che riesce a rimanere impresso nella mente dei consumatori attraverso un insieme di associazioni mentali o valori, una promessa, un nome che offre un forte beneficio funzionale ed emotivo, un nome che innesca fiducia, desiderio, fedeltà o acquisto ripetuto, anche se venduto a un prezzo più alto, un nome che alla fine crea valore, coinvolgimento e grandi comunità. Oggi, forse una delle definizioni del brand più complete e moderne è quella di Seth Godin, scrittore statunitense, imprenditore e esperto di marketing:

 Un marchio è l’insieme di aspettative, ricordi, storie e relazioni che, presi insieme, rappresentano la decisione di un consumatore di scegliere una azienda, un prodotto o un servizio rispetto a un altro. Se il consumatore (sia esso un’azienda, un acquirente, un elettore o un donatore) non paga un “premium”, non fa una selezione o non diffonde la parola, non esiste alcun valore di marca per quel consumatore”.

Pertanto, un brand oggi è molto più di un nome o di un logo. Un brand è un insieme di percezioni su un’azienda, un prodotto o un servizio nella mente del consumatore. E queste percezioni si basano sulla promessa del prodotto o servizio, le sue qualità e i suoi valori, il suo vantaggio più distintivo rispetto ai concorrenti – il posizionamento del marchio, la promozione, la reputazione, la personalità e l’immagine del marchio insieme alle esperienze dei clienti. 

Identità del marchio ovvero la Brand Identity

L’identità del marchio a volte può essere intesa come un logo o un colore, ma in realtà la brand identity  è l’intera personalità della tua azienda, che è costituita da come il tuo brand appare, si sente, i suoi valori, come parla alle persone e come le fa sentire. Prendiamo ad esempio Coca-Cola, Apple o Mercedes: Coca-Cola non è solo il logo, ma anche “felicità in una bottiglia”, ottimismo, l’orso polare, il Natale e così via. Apple non è solo un insieme di dispositivi, o una mela morsa, ma uno status symbol. Mercedes non è solo la stella a 3 punte, ma l’artigianalità, l’innovazione, l’esperienza del cliente e il valore dei prodotti che vive nel tempo.  

Per rendere tutto ancora più chiaro, il nome, il logo, il colore, i simboli, il tipo di font, conosciuti anche come elementi tangibili di un marchio (ciò che si può vedere o toccare) fanno parte dell’identità di un brand, ma non bastano per crearla. 

Branding 

Infine, il branding è il processo che converte un’azienda, un prodotto o un servizio in un brand, dandogli un significato in modo che possa trovare un posto nella mente dei consumatori. È la strategia ideata da un’azienda per aiutare i consumatori a trovare o identificare, scegliere e sperimentare il proprio prodotto o servizio rispetto a quello dei concorrenti. L’obiettivo è quello di attrarre, mantenere e creare comunità di clienti, ovvero di consumatori. È un processo che richiede tempo, impegno e struttura, ma se fatto bene, dall’analisi all’implementazione può farti emergere in questo mercato competitivo. 

In conclusione, un brand non è un logo o un simbolo, ma un insieme di elementi ed esperienze che fanno sì che i consumatori scelgano facilmente un prodotto o un servizio piuttosto che un altro. L’identità del marchio non è solo il logo e il colore del vostro prodotto o servizio, ma il suo aspetto, il tono di voce, i valori e il modo in cui si collega ai clienti. Mentre che il branding è l’intero processo di costruzione del vostro marchio: dallo stabilire cosa fa la tua azienda o il tuo prodotto o servizio, chi serve, come è unico e come crea valore per i tuoi clienti e come si connette con loro.

Più recenti

28 Marzo 2024

Guida strategica per adattare la comunicazione B2B ai bisogni del cliente

Nel dinamico panorama del business B2B, il segreto del ...

Leggi l'articolo >

8 Dicembre 2023

Il Marketing B2B: i 6 principali trend del 2023

Il mondo del marketing B2B sta attualmente attraversand...

Leggi l'articolo >

20 Settembre 2023

Mark it vince il premio come “miglior iniziativa” dei Sustainability Awards 2023

Siamo entusiasti di condividere che a Mark it è stato a...

Leggi l'articolo >

22 Agosto 2023

Green Deal: un’opportunità per il futuro delle aziende attraverso il marketing sostenibile

Il Green Deal dell'Unione Europea è una pietra miliare ...

Leggi l'articolo >

26 Luglio 2023

Voucher Innovation: verso l’innovazione e il successo aziendale

L’innovazione è il motore trainante dell’ec...

Leggi l'articolo >

29 Giugno 2023

La strategia omnicanale: massimizza la tua presenza online e offline

Nell'era digitale in cui viviamo, la presenza online è ...

Leggi l'articolo >

16 Maggio 2023

Il potere di una grande proposta di valore: perché il tuo business potrebbe averne bisogno

La proposta di valore consiste nel messaggio più import...

Leggi l'articolo >

16 Marzo 2023

Strategia di marketing efficace: gli elementi chiave nel mercato B2B

Quando parliamo di mercato B2B facciamo riferimento all...

Leggi l'articolo >

12 Gennaio 2023

Bilancio sull’impatto sociale e ambientale: dal 2024 sarà obbligatorio per le aziende

La Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD) ...

Leggi l'articolo >

23 Novembre 2022

Customer Experience: i bisogni del cliente al centro della strategia

Quando parliamo di “Customer Experience” facciamo rifer...

Leggi l'articolo >

26 Luglio 2022

Greenwashing, pinkwashing e rainbow washing: cosa sono e come evitarli.

Le ricerche ci dimostrano che lo scopo di un brand oggi...

Leggi l'articolo >

20 Giugno 2022

La sostenibilità fa bene al business? Guida alla Responsabilità Sociale d’Impresa.

La sostenibilità è un concetto complesso che oggi più c...

Leggi l'articolo >

29 Marzo 2022

Perché è importante rivedere il tuo modello di business?

All’inizio della pandemia, tutti parlavano di una...

Leggi l'articolo >

17 Febbraio 2022

Guida breve alla creazione di un prodotto cliente centrico

Oggi ti parlerò di come mettere in pratica la mia esper...

Leggi l'articolo >

25 Novembre 2021

Storytelling: una delle tecniche persuasive più utilizzate

Cos’è lo storytelling Lo storytelling è una tecnica com...

Leggi l'articolo >

28 Ottobre 2021

Perché internazionalizzare la propria azienda?

Perché internazionalizzare? Fondamentalmente perché int...

Leggi l'articolo >

13 Ottobre 2021

Il mutamento del cliente: i valori morali determinano sempre più l’acquisto

Cosa si intende con mutamento del cliente Oggi il mutam...

Leggi l'articolo >

24 Settembre 2021

Mark it è Carbon Neutral

L’attuale concentrazione di anidride carbonica in atmos...

Leggi l'articolo >

29 Giugno 2021

Come Mission e Vision guidano la tua azienda verso il traguardo

Mission e Vision sono due concetti legati spesso a bran...

Leggi l'articolo >

29 Aprile 2021

Relazioni con i media – costi ed efficacia

Le Relazioni Pubbliche (PR – Public Relations) sono spe...

Leggi l'articolo >

16 Marzo 2021

Creare il piano di marketing partendo da profilazione e viaggio del cliente!

Se vuoi creare un buon piano di marketing, uno degli er...

Leggi l'articolo >

1 Novembre 2020

Anche la produzione di oggetti passa per il digitale.

Se si pensa al mondo manifatturiero italiano, non si pu...

Leggi l'articolo >

26 Ottobre 2020

Analizza l’esperienza del cliente e la tua azienda volerà.

Sapete cos’è l’ ”Esperienza del cliente” anche chiamata...

Leggi l'articolo >

26 Settembre 2020

Brand, identità del brand e branding

Sei un imprenditore che vuole far crescere il business,...

Leggi l'articolo >

20 Agosto 2020

Le crisi costringono le aziende a prendere decisioni su più fronti e in parallelo

La pandemia sta costringendo le aziende ad adeguarsi e ...

Leggi l'articolo >